social

Scarica l'APP

Scarica l'AP della Farmacia Internazionale di Bordighera per rimanere sempre aggiornato anche su cellulare e tablet
Internazionale di
Bordighera
per rimanere sempre
aggiornato anche su
Cellulare e Tablet

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per essere aggiornato sulle attività della farmacia.

Archivio Newsletter

I fermenti lattici

       
 

All'interno della cavità orale grazie all'azione meccanica dei denti e a quella chimica degli enzimi salivari gli alimenti iniziano a subire le prime importanti trasformazioni.Tra questi esercita un ruolo di primaria importanza la ptialina, un enzima che favorisce la digestione dell'amido. Questo importante carboidrato complesso contenuto soprattutto nei cereali e nelle patate è costituito dall'unione di molti zuccheri semplici.

Una volta attraversata la cavità orale,il bolo inizia il suo lungo percorso verso la completa digestione.

Flora microbica intestinale

Il nostro apparato digerente, ed in modo particolare l'intestino, è colonizzato da moltissimi microrganismi che, nel loro insieme, costituiscono la flora batterica.

Se si vanno a spianare le varie pieghe, i villi, i microvilli e le cripte, la superficie della mucosa intestinale equivale a circa 200 m2. Ed i numeri suggestivi non finiscono qui. La flora battericaNell'intestino umano albergano infatti circa 400 specie batteriche, sia anaerobiche (bifidobatteri), localizzate principalmente nel colon, che aerobiche (lattobacilli), concentrate in modo particolare nel tenue.

Oltre alla flora batterica, nel nostro intestino sono presenti miceti, clostridi e virus, che in condizioni di equilibrio non esercitano alcun effetto patogeno.

Durante la gravidanza l'intestino del feto è perfettamente sterile, ma subito dopo la nascita viene colonizzato da miliardi di batteri. Questi microrganismi si insediano a livello intestinale, entrando dall'esterno attraverso la bocca e l'ano. I primi mesi di vita sono molto importanti per costruire una popolazione batterica florida ed equilibrata. Il latte materno, infatti, favorisce la proliferazione dei bifidobatteri, un ceppo particolarmente benefico per la salute umana. 

La principale funzione dell'intestino e' quella sia del "trasformazione" del cibo introdotto per ridurlo a molecole sia per preparare l'assorbimento dei nutrienti (attraverso enzimi, batteri e funghi) da inviare attraverso il sangue a tutte le cellule dell'organismo; l'epitelio intestinale svolge anche una importantissima funzione di barriera anche immunitaria.
Il tratto gastrointestinale, infatti, affronta un carico antigenico molto elevato, scegliendo (per mezzo del proprio cervello) ed elaborando quello che deve essere assorbito e rifiutando il resto.
La superficie intestinale e' di circa 360-400 mq2 ed e' colonizzata da oltre 40 tipi di microrganismi (ceppi principali), in quantita' numerica che e' dieci volte superiore al numero totale delle cellule del nostro organismo.
La distribuzione e la composizione della microflora batterica e' diversa nei diversi trattati del tubo gastrointestinale.
La carica microbica aumenta man mano che si avanza dallo stomaco verso il retto, parallelamente alla componente anaerobica, mentre diminuisce quella aerobica.
Stomaco e duodeno sono relativamente poveri di germi, nell'intestino tenue il loro numero aumenta fino a raggiungere il massimo della colonizzazione, sia per numero che per varieta', nel colon.

Fermenti lattici e probiotici
Fermenti lattici è il nome che viene comunemente dato ai batteri lattici, un gruppo di microrganismi capaci di metabolizzare il lattosio, lo zucchero più abbondante del latte. Questa caratteristica è comune a numerosi batteri ma solo pochi sono in grado di compiere processi di trasformazione utili all'uomo. I fermenti lattici migliori sono quelli che producono prevalentemente acido lattico e solo in minima parte altre sostanze. I microrganismi capaci di operare tale trasformazione appartengono in larga misura ai generi Lactobacillus, Lactococcus, Leuconostoc, Pediococcusm e alla specie Streptococcus.


 Fermenti lattici probiotici
Il Lactobacillus acidophilus è ospite abituale dell'intestino umano; normalmente non è presente negli yogurt ed appartiene al gruppo dei batteri lattici probiotici. fermenti latticiRientrano nella categoria numerosi altri fermenti lattici, alcuni dei quali sono stati resi noti dalla pubblicità: LC1, Lactobacillus gasseri, Lactobacillus Casei e Bifidobacterium. Questi fermenti lattici, tutti di origine umana e resistenti all'azione digestiva, hanno la capacità di arrivare vivi sino all'intestino dove possono riprodursi e migliorare la salute umana.

I fermenti lattici appartenenti a questa categoria sono utilizzati per equilibrare le funzioni intestinali, rinforzare le difese immunitarie e coadiuvare l'azione degli antibiotici. Particolarmente diffusa è la prescrizione di probiotici come appoggio terapeutico in caso di disfunzioni dell'apparato digerente. Gli alimenti probiotici influirebbero positivamente su condizioni patologiche, non solo locali, ma anche generali. Nonostante in proposito vi siano pareri e studi dai risultati discordanti, è infatti probabile che i fermenti lattici probiotici esplichino un'azione benefica anche in caso di altre patologie, come infezioni alle vie respiratorie e urinarie, sindromi infiammatorie intestinali e allergie alimentari.

Il tratto finale del nostro intestino, chiamato colon, è popolato da miliardi di batteri che nel loro insieme vanno a costituire la flora batterica intestinale. Questi microrganismi compiono processi fermentativi e putrefattivi che interessano i residui della digestione (fibre, carboidrati e proteine).

La flora batterica intestinale è in grado di sintetizzare modeste quantità di biotina e vitamina K (essenziale per la coagulazione e la protezione delle ossa). La fermentazione dei piccoli frammenti di cibo non digeriti produce anche 500 ml di gas (flatus) al giorno che, se prodotto in eccesso, scatena crampi e dolori addominali (vedi meteorismo).

In simili situazioni una terapia a base di probiotici è in grado di contribuire al riequilibrio della normale flora batterica. Questi particolari fermenti lattici hanno infatti la capacità di arrivare vivi sino all'intestino e di aderire agli enterociti che costituiscono la mucosa intestinale. I microrganismi probiotici impediscono la proliferazione dei ceppi batterici patogeni:

-sottraendo il loro nutrimento

-occupando i possibili siti di adesione alle pareti intestinali

-producendo sostanze antibiotiche attive che ne inibiscono la replicazione.

Alterazioni della flora batterica intestinale


Quando diminuisce il numero di batteri vantaggiosi, l'equilibrio della microflora batterica si spezza e si parla di disbiosi. In simili condizioni si assiste ad una iperproliferazione di patogeni a livello intestinale. Tali microorganismi sono particolarmente pericolosi, in quanto potenzialmente capaci di colonizzare altre aree corporee, provocando, per esempio, infezioni vaginali, respiratorie e persino dentali. Con il passare del tempo possono comparire anche patologie intestinali come diverticoli, morbo di Crohn e tumori dell'apparato digerente.

In caso di disbiosi, può verificarsi anche una compromissione della permeabilità intestinale, poiché viene meno la funzione trofica della microflora simbionte. Di conseguenza, possono svilupparsi allergie e malattie autoimmuni. Infatti, a causa dell'alterata permeabilità, determinate molecole possono essere assorbite e riconosciute come estranee dal sistema immunitario, che reagisce scatenando reazioni allergiche o vere e proprie malattie autoimmuni.

Un ulteriore conseguenza negativa della disbiosi è l'assorbimento di vere e proprie sostanze tossiche, nocive soprattutto per il fegato ed il pancreas. La conseguenza di questi processi può essere, nel migliore dei casi, la comparsa di problemi digestivi, ma anche e soprattutto l'insorgenza di stanchezza cronica non imputabile ad altre cause.

Infine, la disbiosi aumenta il tempo di stasi del materiale fecale nell'intestino, causando l'alterazione di varie sostanze nutritive. Per esempio, l'alterazione degli aminoacidi può portare alla formazione di amine tossiche (lisina: cadaverina; ornitina: putrescina; triptofano: indolo e scatolo).

Le cause della disbiosi sono davvero numerose:

-possono contribuire diete poco varie, con poche fibre e molti cibi raffinati;

-pasti troppo rapidi, scarsa masticazione.

-ritmi di vita irregolari e frenetici, con alterazioni della frequenza e della consistenza dei pasti.

-vita sedentaria e stress psicofisici.

-abuso di farmaci (analgesici, sonniferi, antidepressivi, lassativi), spesso utilizzati per ricercare quel senso di salute e benessere che tende a sfuggire a causa del ritmo frenetico imposto dallo stile di vita moderno. Tuttavia, con il passare del tempo, il frequente ricorso a queste sostanze chimiche, che non curano la causa ma ne attenuano semplicemente i sintomi, finisce col peggiorare ulteriormente la situazione.

-anche gli inquinanti contenuti nei cibi (coloranti, solventi, ormoni, pesticidi ecc.) influenzano negativamente la stabilità della microflora intestinale.

Molti dei fermenti lattici contenuti nello yogurt non possiedono tali caratteristiche e non sono pertanto in grado di influenzare positivamente la flora batterica intestinale.

Il secondo provvedimento consiste nell'assunzione di prebiotici, cioè di sostanze che arrivano indigerite nel colon, dove sono fermentate dalla flora batterica locale. I metaboliti che si vengono a formare forniscono così elementi nutritivi utili per la crescita delle specie batteriche benefiche.

I prebiotici sono contenuti, anche se in concentrazione limitata, in vari alimenti come cicoria, carciofo, porri, asparagi, aglio, soia e avena. Nelle preparazioni farmaceutiche contenenti tali sostanze, vengono invece aggiunti soprattutto i FOS (frutto-oligosaccaridi) e l'inulina, un polimero del fruttosio.

Infine, per migliorare la vitalità della nostra flora batterica intestinale, è fondamentale evitare il più possibile ogni fonte di stress ed adottare un corretto stile di vita, supportato da un'alimentazione equilibrata.

 
       

torna all'indice

Cosmesi

visita la pagina

Data e Ora attuali

 

Promozioni in Farmacia

Fitoterapia

Linea Solgar: scopri tutti i prdotti sul sito web della ditta
Presso la Farmacia
Internazionale
potrai trovare tutti i prodotti
della Linea Solgar

Da noi paghi anche così